lunedì 21 gennaio 2019

3-1 a Anderlini: l'Arno a 20 pti al giro di boa

L'Arno, pur senza brillare, vince 3-1 contro un'acciaccata Anderlini e arriva al giro di boa a 20 punti, con 7 gare su 12 giocate in trasferta. Una partita giocata a marce basse dai biancoverdi che, ad eccezione del quarto set, non si sono mai riusciti a scrollare di dosso i tenaci avversari, guidati dal giovane opposto Andreoli in versione super. I modenesi, pur privi del play titolare Astolfi, probabilmente il migliore nel suo ruolo dell'intero girone, e degli schiacciatori Maletti e Raimondi, hanno venduto cara la pelle, guidati dalla pulita regia del giovane play Giuriati, classe 2000. Per l'Arno invece ottima prova in attacco, con un Andreatta sugli scudi e Da Prato e Pitto a offrire un consistente apporto. Da rivedere invece la fase muro-difesa e il numero eccessivo di errori, soprattutto al servizio. Arno che scende in campo con la sola novità Wiegand al centro al posto dello squalificato Ridolfi. Primo set che parte in grande equilibrio, con entrambe le squadre con ottime percentuali in cambio palla. Andreoli è imprendibile mentre Berberi giostra di più tutti i propri attaccanti. Un break in battuta del subentrato Pini permette all'Arno di chiudere sul 25-22. Secondo parziale con i biancoverdi avanti di un break ma mai capaci di scavare il solco. Pitto non è mai fermato dal muro-difesa avversario ma Anderlini rimane sempre in scia. L'Arno è bravo a gestire i punti decisivi e chiude sul 25-21. Terza frazione con Castelfranco che sembra poter chiudere i conti e che vola sul 15-10. L'Arno però si incarta e si fa rimontare il vantaggio. Cassandra infila un paio di diagonali strette di alto livello e i vantaggi sorridono ai modenesi con l'attacco di Andreoli per il 31-33. Quarta frazione con i locali più determinati a conquistare i 3 punti: il break arriva a metà set con un paio di colpi liftati di un positivissimo Andreatta. Stavolta i biancoverdi continuano a premere sull'acceleratore e chiudono il set sul 25-17. Non del tutto soddisfatto coach Sansonetti a fine match, per l'incapacità dei suoi di gestire con maggior serenità le partite in cui partono da una situazione favorevole, come già successo in particolar modo a Forlì. Sono proprio i punti persi in Romagna, insieme a un altro paio lasciati per strada negli incontri interni con Calci e Villadoro che non permettono ai castelfranchesi di avere una classifica ancora più rosea. Ma niente è perduto e già l'inizio del girone di ritorno dovrà offrire i giusti stimoli ai biancoverdi per una seconda parte di campionato ancora migliore della prima: appuntamento per il 3 Febbraio al Pala Bagagli contro Portomaggiore, corazzata del torneo attualmente al secondo posto.

    Choose :
  • OR
  • To comment
Nessun commento:
Write commenti