lunedì 27 gennaio 2020

Finalmente Kemas Lamipel, si torna alla vittoria!

Conad Reggio Emilia: Pinelli 2, Magnani 18, Zingel 21, Mattei 16, Dolfo 10, Ippolito 10, Morgese (libero), Catellani, Bellini, Miselli n.e, Santini n.e, Scarpi n.e, Fabi n.e, Cagni (libero) n.e. All. Lorizio.
Kemas Lamipel Santa Croce: Acquarone 2, Padura Diaz 24, Bargi 9, Larizza 8, Colli 17, Russomanno 6, Catania (libero), Di Marco, Prosperi, Marra, Mazzon 8, Mannucci n.e, Andreini (libero) n.e. All Pagliai/Cezar Douglas
Successione set: 21-25 in 30′, 28-26 in 38′, 24-26 in 32′, 22-25 in 31′.
Battute sbagliate Conad: 16, Aces: 5, Muri: 10
Battute sbagliate Kemas Lamipel: 6, Aces 5, Muri 14.
Finalmente “Lupi”! La Kemas Lamipel vince per 1-3 in casa della Conad Reggio Emilia e in un colpo solo cancella due strisce negative che duravano da tempo: quella di sette sconfitte consecutive e quella dell’astinenza di punti conquistati fuori casa che perdurava da fine ottobre e dalla vittoria in casa del Mondovì. Gara tosta ed equilibrata quella in casa di Reggio Emilia, con i “Lupi” che hanno messo in mostra una qualità importante che ultimamente si era vista poco: la capacità di soffrire. Trascinata da un Padura Diaz in costante crescita, la Kemas Lamipel è stata brava a non disunirsi nel corso del terzo e decisivo set, contro un avversario che ha provato in ogni modo a conquistare punti salvezza. Il primo set è quello giocato meglio dai santacrocesi, precisissimi in ricezione e ficcanti in attacco e battuta. Colli e Padura Diaz sono i terminali perfetti per Acquarone, mentre Larizza a muro mette i punti esclamativi ad un set che dal 6-8 vede i “Lupi” sempre avanti sul 13-16 e sul 18-21 fino al definitivo 21-25. Nel secondo set la musica comincia a cambiare perché in scena entrano prepotentemente i centrali emiliani: il ritrovato Zingel (riportato nel suo ruolo storico invece che in posto due come ad inizio campionato) e Mattei iniziano a macinare punti in attacco e a muro. La ricezione santacrocese cala e di conseguenza anche l’attacco: Russomanno e Padura Diaz sono bravi a rintuzzare i tentativi di fuga dei locali e il set procede a strappi: 8-5 Conad, 14-16 Kemas Lamipel e ancora 21-19 Conad. I santacrocesi, pur sprecando qualcosa di troppo, sono bravi a non mollare e trascinano la Conad ai vantaggi, conquistandosi anche una palla set purtroppo sprecata. Alla fine Pinelli e compagni vanno a vincere 28-26 impattando la gara e sprintando subito forte nel terzo parziale, dove ancora i centrali fanno la voce grossa in attacco (Zingel) e al servizio (Mattei). Avanti 8-4 la Conad preme sull’acceleratore, ma dalla panchina biancorossa si alza Mazzon che entra in campo al posto di Russomanno. Grazie ai muri del neoentrato, uniti a quelli di Bargi ed Acquarone, i “Lupi” tornano a contatto (16-14 e 21-19), dimostrando capacità di lottare e non mollare nonostante Zingel martelli senza pietà da posto tre. Con un colpo di reni finale la Kemas Lamipel porta il set nuovamente ai vantaggi e questa volta a fare la voce grossa ci pensa Padura Diaz, perentorio in attacco e decisivo con l’ace del 24-26 che regala ai “Lupi” il vantaggio per 1-2. Nel quarto l’equilibrio è costante anche se la Kemas Lamipel riesce a mantenere quasi sempre un mini-break di vantaggio. Mazzon è sicuro e determinante e anche Colli torna ad essere pungente in attacco. Dal 7-8 si passa al 15-16 e al 19-21, con lo scatto decisivo che arriva nel finale quando finalmente viene difeso un attacco di Zingel. Trovato il margine vincente la Kemas Lamipel non si volta più indietro e va a chiudere meritatamente per 22-25 per una vittoria tanto preziosa quanto liberatoria che speriamo possa mettere fine ad un periodo complicato ma anche sfortunato. Prossimo appuntamento tra una settimana con il Brescia che verrà a far visita ai “Lupi” al PalaParenti.

Andrea Costanzo – Ufficio stampa

    Choose :
  • OR
  • To comment
Nessun commento:
Write commenti