giovedì 31 maggio 2018

Azzurra Grosseto conquista la serie D!!!

MISSIONE COMPIUTA, DOPO UNA CAVALCATA TRIONFALE FINALMENTE ARRIVA LA SERIE D!!
Pomeriggio in fibrillazione al Palazzetto Atleti Azzurri d'Italia, sul pre-partita, sulle emozioni in gara, sulla presenza del Nostro Sindaco Antofrancesco Vivarelli Colonna, dell’Assessore allo Sport Fabrizio Rossi e del nostro MAIN SPONSOR Roberto Baffigi di AZZURRA, sui momenti vissuti da un gruppo che ha ottenuto un risultato straordinario ancora una volta, con un tabellino di marcia impressionante; 22 vittorie su 22 partite giocate concedendo solo 3 set in tutto il Campionato. Di fronte ad una tribuna gremita e colorata di biancorosso, Mister Spina schiera Machetti in regia, al centro Giuliani e Fidanzi, di banda Fossili e Grechi, opposto Festelli e libero Tocci. Inizio set con le avversarie pronte a vendere cara la pelle e riescono in parte nell'intento, gli attacchi e le difese di ambedue si equivalgono, ma lo spunto finale è di Azzurra che si aggiudica il set per 25 a 23 e la sospirata promozione in serie D. Spazzate vie tutte le paure le ragazze grossetane giocano la seconda frazione più serene, Machetti smista ottimamente per gli attaccanti di turno Grechi, Fidanzi e Festelli, in difesa Tocci non lascia cadere una palla e l'avvicendamento di banda con l'ingresso di Giovannelli per Grechi, facilitano la vittoria del parziale per 25 a 19. Nel terzo set le biancorosse continuano a giocare in maniera ordinata con Giuliani e Fossili sempre pronte a chiudere a punto le alzate di Machetti e gli ingressi in campo di Franzese, Patterlini e Branca contribuiscono alla vittoria della frazione per 25 a 22 e a chiudere la partita per 3 a 0. Cosa dire….Ragazze FANTASTICHE, Mister Spina TRASCINATORE, Mister in seconda Censini OTTIMO e infine ma non per importanza il Dirigente Barsotti..IL NON PLUSULTRA dei TEAM MANAGER (nell’occasione sostituito dall’altrettanto TOP MANAGER Fausto Morandi)…BRAVI TUTTI e BRAVI anche a chi, dietro il Palcoscenico cerca di far del proprio meglio affinchè questa Vittoria e Promozione in Serie D sia solo l’apripista al “ Vero Gran Premio” che si avvierà nella prossima stagione….MA QUESTA STORIA…NELLA PROSSIMA PUNTATA!!! Adesso 2 settimane di meritato riposo e poi……… Queste le atlete della Pallavolo Grosseto 1978 del team AZZURRA a disposizione: Capitan Francesca Festelli, Melissa Machetti, Erika Fidanzi, Cecilia Fossili, Greta Giuliani, Camilla Giovannelli, Arianna Grechi, Fortuna Franzese, Jolia Tocci, Guia Patterlini, Sara Biagioli (infortunata) e Carlotta Branca, I° all. Stefano Spina, II° all. Massimiliano Censini, dirigente Fausto Morandi.

Fernando Hernandez: “Volevo tornare in Italia, qui si gioca la migliore pallavolo a livello mondiale”

A pochi giorni dall’ufficializzazione abbiamo realizzato una breve intervista con il nuovo opposto latino Fernando Hernandez Ramos. Lo abbiamo contattato mentre era nella sua Cuba, patria di origine del fuoriclasse mancino. La prima domanda è: cosa ti ha spinto a tornare in Italia, in una società neopromossa come Siena e in una categoria che tu conosci molto bene: la SuperLega. Sono molto contento di tornare in Italia. Dopo i due anni a Molfetta e Piacenza, non vedevo l’ora di tornarvi a giocare. A mio parere l’Italia è tra le prime nazioni nella pallavolo mondiale; voglio tornare per continuare a giocare per sempre in questa terra. Sono reduce da un anno molto positivo con l’Halkbank Ankara (Coppa e Scudetto vinto) e la mia intenzione è fare bene anche a Siena. Nei tuoi anni italiani hai battuto molti record individuali sia con Molfetta che con Piacenza, quali sono gli obiettivi che ti poni questa stagione? L’anno di Molfetta arrivai primo come miglior realizzatore e secondo con Piacenza, ma ora gli obiettivi sono ben diversi. Ragiono come squadra e di conseguenza il primo obiettivo è quello di qualificare la squadra per i Play Off rientrando nelle prime otto. Il secondo obiettivo è quello di dare il massimo, sono qui per questo. A Molfetta hai conosciuto Michele Fedrizzi… Sì, ho contattato subito Michele quando ho saputo dell’interesse di Siena. Mi ha parlato bene della società e della città: un valore aggiunto al mio desiderio di tornare in Italia. Cosa stai facendo nel frattempo? Come ti prepari al tuo arrivo a Siena? Vado in spiaggia e corro anche 10 km ogni giorno, mi alleno costantemente in un centro sportivo. Devo essere molto grato a questo centro e alla persona che mi sta allenando. Sto facendo molta palestra, mi alleno fino a cinque volte al giorno. Hernandez sarà a disposizione di Coach Cichello a partire da metà agosto con l’inizio della preparazione.

Programmi e obiettivi dei “Lupi” svelati in Comune

I programmi e gli obiettivi dei “Lupi” per la stagione 2018-19, sono stati svelati questa mattina, dalla dirigenza del club biancorosso, nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella sala consiliare, in Comune a Santa Croce. A far gli onori di casa il sindaco Giulia Deidda e l’assessore Piero Conservi, i quali hanno poi preso posto – col presidente del sodalizio conciario Sergio Balsotti – al centro del tavolo della presidenza. Alla loro sinistra il vicepresidente Alberto Lami ed il tecnico Michele Totire; a destra il viceallenatore e team manager Alessandro Pagliai e lo scout-man Matteo Morando. Poi, vicino a loro, altri consiglieri, il dottor Scaduto, i componenti l’ufficio stampa, i giornalisti e l’attento pubblico presente. Hanno parlato nell’ordine il sindaco Deidda, l’assessore Conservi, il presidente Balsotti, il vicepresidente Lami ed il tecnico Totire. Non è mancata la “bomba di mercato” e, anche se Lami non ha usato questo termine, ci sono stati meraviglia e stupore al momento dell’annuncio del gradito ritorno ai “Lupi” dello schiacciatore olandese Jan Willem Snippe, 32enne attaccante, già a Santa Croce del 2010 al 2012 in A2. Occhi puntati anche sul pugliese Grassano, presente in sala, che ha fatto così la sua prima conoscenza del nuovo club, dopo gli ultimi due campionati disputati a Gioia del Colle. La Kemas Lamipel, intesa come squadra, era rappresentata da Leonardo Colli e dal palleggiatore Acquarone. Questi quattro atleti, vale a dire: Snippe, Grassano, Colli ed Acquarone, ai quali vanno aggiunti il bomber brasiliano Wagner ed il centrale siciliano Ferraro, sono al momento i sei pallavolisti che compongono la nuova compagine conciaria. Ne arriveranno altri, nelle prossime settimane, per chiudere l’intera rosa. Gli addetti ai lavori sono all’opera. Totire ha detto che – “la nuova Kemas Lamipel avrà meno muscoli, più testa e più tecnica, con l’indispensabile carattere. Se uno vuol essere dei nostri deve dirmi sì, una volta contattato. Abbiamo sentito determinati giocatori ma, senza perderci troppo tempo: chi ci ha pensato lo abbiamo lasciato perdere. Grassano è stato subito entusiasta. Chi arriva o resta ai “Lupi” deve capire o aver già capito l’importanza di questa cittadina. Per questo, nel 2018-19 saremo una squadra diversa: chi è qui, vuole giocare nella tana dei “Lupi” contando sulla spinta della Fossa”. Così Alberto Lami: “L’obiettivo è quello di classificarci fra i primi quattro al termine della prima fase, avendo così la certezza di partecipare alla Serie A 2019-20, quando i campionati subiranno i già annunciati cambiamenti. Proveremo a vincere la Coppa Italia, un trofeo al quale ci sentiamo legati. Siamo alla ricerca di persone che vogliano impegnarsi per questi colori. La società ha indetto una riunione aperta del Cda per martedì 12 giugno alle 21,15 al PalaParenti: un Cda “allargato” per ascoltare la nostra gente, per cercare i “rinforzi” per la nostra società”. Il sindaco Giulia Deidda, in precedenza, aveva aperto i lavori con grande padronanza sull’argomento-Lupi dicendo che – “loro sono la società che forse più di tutte rappresenta Santa Croce. La scorsa stagione sono stati ottenuti grandi risultati, non solo dal punto di vista sportivo, ma col coinvolgimento del pubblico attorno a valori importanti. Ricordo l’ultima partita con Spoleto in casa: i bambini erano disperati perché avevamo perso e questo è un bel segno. Siete un esempio anche perché investite sui giovani, per questo come Amministrazione vi siamo vicini. Spero che la prossima sia una stagione bella come quella conclusa”. L’assessore allo Sport Piero Conservi ha ricordato i passaggi cruciali della stagione 2017-18, con parole entusiastiche nei confronti di Wagner e degli altri giocatori, rinnovando la sua fiducia verso un futuro ricco di ottimi risultati. Il presidente Balsotti ha ringraziato l’Amministrazione per la continuativa presenza alle partite interne e, talvolta anche in trasferta, esortando Totire ed i giocatori a lavorare bene e con profitto. Infine Colli uno dei giocatori più benvoluti dai tifosi, ha così concluso: “Gli obiettivi della società saranno i nostri. Daremo il massimo. Nel corso dell’ultima stagione siamo cresciuti davvero tanto”.

Marco Lepri – Ufficio stampa “Lupi” Santa Croce

mercoledì 30 maggio 2018

Ora il meritato riposo per la Pallavolo Sestese

Si è conclusa la Stagione della Pallavolo Sestese, un bilancio è d'obbligo e non può che essere positivo, i ragazzi della prima squadra hanno disputato un ottima Regular Season piazzandosi primi nel loro girone, i play-off hanno offerto incontri entusiasmanti e altri ci portiamo dietro qualche rammarico, ma si sa i play-off sono un mondo a se e non sempre la spunta quella piazzata meglio alla fine della regular season. Comunque ci teniamo molto a ringrazie tutto il gruppo per la splendida prestazione, dal tecnico Filippo Formigli, confermatissimo, al suo secondo Massimo Marconi, prezioso collaboratore in palestra, per tutti gli atleti che insieme riprenderanno nella prossima stagione questo campionato, facendo tesoro dell'esperienza, sperando di far bene come quest'anno e magari anche di arrivare alla promozione, integrati da alcuni graditi ritorni di atleti sestesi. Un ringraziamento va anche allo staff dirigenziale, che si è profuso per far sì che tutto risultasse in linea con le aspettative e al nostro Presidente Angiolo Berti che continua a far "viaggiare" questa realtà sempre con ambizione e volontà. Una grande soddisfazione anche dal nostro settore giovanile, sempre in miglioramento, che anche per la prossima stagione, si presenterà al via con tutte le categorie rappresentate. Anche quì un ringraziamento particolare ai tecnici Marconi, Pozzi, Massi, Pinna, Stefani, Berlincioni ed a un grandissimo della nostra Pallavolo Nazionale Andrea Nencini che è sempre di esempio per tutti noi. Ci piace anche ricordare come un prodotto del nostro vivaio, Tommaso Stefani, sia Campione d' Europa con la Nazionale Under 17 ". E vogliamo concludere con un grosso ringraziamento a tutti i nostri partner commerciali che ci sostengono, aiutandoci ad ottenere questi meravigliosi risultati. Non ci resta che augurare buone ferie a tutti !!!!!

Pallavolo Sestese ASD maschile

martedì 29 maggio 2018

Fantastica Pantera

Pantera Volley - Lupi San Miniato 3-1
Serata fantastica al Palamartini gremito di pubblico a tifare le due squadre in finale. Sapevamo che le nostre avversarie non sarebbero venute in gita a Lucca e che non sarebbe stato facile aggiudicarsi tre set necessari per la promozione e così è stato. Dopo i primi due set vinti dalle nostre ragazze conquistando punto su punto arriva il terzo set cge ci impensierisce . Le San Miniatesi infatti ci aggrediscono con successo anche all´inizio del quarto set , noi siamo sempre a rincorrere fino a riprenderle sul 21. A quel punto la forza della squadra si fa vedere ed è fantastica Pantera. Ci aggiudichiamo la qurta frazione di gioco e accediamo alla serie C. Bravi tutti Gabriele Romboni e Stefano Della Santa con tutte le ragazze a seguito. Dopo momenti difficili durante il campionato questo gruppo è riuscito a ritrovare il meglio e a concludere la stagione con gli obbiettivi prefissati dalla società. Adesso è il momento di festeggiare , ci sarà da ringraziare ogni singola atleta che ha partecipato a questo magnifico campionato, per ora , Grande e Fantastica Pantera

Fonte: B.d.m.

Il nuovo presidente del Collevolley è Piero Burroni

Nell’Assemblea dei Soci tenutasi il 12 maggio scorso, all’unanimità è stato eletto Presidente Piero Burroni !! Piero, colligiano doc, è sempre stato uno sportivo. Giocatore di calcio nella Colligiana, nel ruolo di portiere, è stato poi Presidente della Polisportiva Olimpia settore Volley di Colle Val d’Elsa e giocatore e dirigente di tennis. A Stefano Bartoli, Presidente uscente, vanno i ringraziamenti di tutta la società per il lavoro svolto e gli ottimi risultati ottenuti.

Si spengono le luci sull’attività delle prime squadre, maschili e femminili, della Folgore

Le luci si sono spente con l’ultima palla schiacciata ieri l’altro sera a Lucca da una nostra “coccinella” e finita fuori, con essa è finito il quarto set e quindi il 3/1 per la squadra di casa ha portato direttamente in Serie C il Pantera e lascia la Folgore in Serie D. La partita di mercoledì sera lascia quindi a bocca asciutta le ragazze di Manetti. La squadra nel campionato si è classificata terza alla fine della regular season, poi turno passato contro il Pieve a Nievole (proveniente da un altro girone) ed infine ecco arrivare lo stop da parte delle lucchesi che con due sconfitte che bruciano. La regular-season, è vero, poteva finire meglio, con qualche risultato un po’ buttato ed alla fine quel secondo posto perso solo per il quoziente set grida un po’ vendetta. Forse se fosse arrivato il secondo posto il percorso dei play off sarebeb stato più semplice. Ma chi lo sà. Qualche infortunio lungo il percorso ma soprattutto la partita d’andata gettata al vento dopo essere stati avanti 2 a 0. Ancora nella mente il terzo set non giocato quando invece era quello il momento di mordere, di aggredire la squadra ospite che appariva in affanno. Peccato. A Lucca la situazione era già di per sé complicata, per pensare di poter ribaltare tutto ci voleva un mezzo miracolo ma il miracolo non c’è stato anche se… anche ieri l’altro sera si sono persi due set sul filo di lana. Mannaggia. In casa maschile vogliamo dare ancora una volta il benvenuto al nuovo coach Fabrizio Ciarla e anche un grande ringraziamento ad Antonio Zecchi per il lavoro svolto. Il nuovo allenatore ripartirà da un ottavo posto in C Maschile, con la speranza di ben figurare e magari scalare qualche posizione. Adesso è il momento di un pò di riposo pallavolistico per gli atleti, adesso tocca ai Dirigenti responsabili allestire buone squadre, organizzare il tutto per la nuova stagione che verrà. La Pallavolo non si ferma mai, la Folgore non si ferma mai. Anche se si spengono le luci.

Finali Campionato Italiano Sitting Volley al Centro Sportivo Dream il 16 e 16 giugno

"ACCOGLIAMO LE SQUADRE CON UN GRANDE PUBBLICO"
Portare una "Finale Scudetto" nel nostro centro sportivo è senz´altro un grande onore. Poterlo fare nel Sitting Volley, disciplina della Federazione Italiana Pallavolo, in cui siamo Campioni d´Italia in carica con il Team femminile, una doppia emozione. Ma non solo. Questo evento ci permetterà di scrivere il nome della città di #Pisa nell´Albo d´Oro del Campionato Italiano di Sitting e noi vogliamo che sia proprio la nostra Città ad "abbracciare "gli atleti e le atlete che verranno a contendersi il Tricolore. Per far questo, lavoreremo con intensità con i Comitati territoriali CONI, CIP e Fipav. Abbiamo però anche bisogno di ognuno di voi, perché niente sarà più bello per le squadre che sentire il vostro tifo e il vostro calore. Ci aiutate in un grande passaparola? Noi ci contiamo e vi vogliamo protagonisti in questa due giorni di grande spettacolo

Ecco le prime conferme tecniche per la stagione 2018/2019!

A stagione non ancora del tutto finita arrivano già in casa rossoblù le prime conferme tecniche, i pilastri imprescindibili per la nostra società su cui si poggerà tutto il settore tecnico, dando seguito all´ottimo lavoro svolto in questa stagione. La prima conferma ufficiale è per coach Luca Poggetti, confermato nella sua carica di direttore tecnico. La seconda conferma ufficiale è per coach Paolo Cavallini, che continuerà a guidare la prima squadra maschile e a coordinare l´intero settore maschile. Le terza conferma ufficiale è per coach Roberto Lavorenti, che continuerà a dirigere la prima squadra femminile che ha preso per mano in corsa quest´anno, potendo lavorare con tranquillità con il futuro gruppo da inizio stagione. Il Volley Cecina è orgoglioso di poter proseguire questi "matrimoni" con tre figure che per esperienza, competenza, abnegazione, e risultati ottenuti hanno pochi rivali a livello nazionale, certi con il lavoro di poter consolidare e migliorare la nostra società, con l´ambizione di diventare un modello di riferimento per tutto il nostro territorio. Buon lavoro a tutti e Forza Volley Cecina!

Soddisfazione per la conferma di Favilla e Ceccarelli nello staff tecnico biancorosso

Prime conferme nello staff tecnico biancorosso con la società che sta alacremente lavorando per portare avanti lo sviluppo del proprio settore giovanile cercando di definire quanto prima lo staff che dovrà lavorare in palestra nella prossima stagione. Le prime due conferme arrivano da Daniele Favilla ed Alessandro Ceccarelli dopo gli ottimi risultati raggiunti quest´anno ed una notevole crescita tecnica portata avanti con i rispettivi gruppi. Favilla, oltre a guidare la prima squadra femminile alla salvezza nel campionato di 1´Divisione, ha ottenuto un buonissimo piazzamento in under 16 e col medesimo gruppo ha partecipato anche al campionato di 3´divisione, riuscendo anche a far emergere alcune individualità che col passare del tempo sono entrate a pieno regime nel contesto della prima squadra. Anche il lavoro svolto da Ceccarelli è stato decisamente positivo ed ha visto i due gruppi under 14 ed under 13 protagonisti ed in netta crescita, con l´under 13 che si è classificato quarto a livello territoriale sfiorando la qualificazione alla fase regionale, unica formazione pisana a raggiungere la final-four. Quindi con Favilla e Ceccarelli pienamente confermati, la società adesso proseguirà con l´organizzazione e la definizione dell´intero staff, prima di comunicare ufficialmente quale sarà l´allenatore alla guida di ogni singola squadra.

Manetti Nicola nuovo tecnico alla Bellaria

Cambio del tecnico della prima squadra femminile. In vista della prossima stagione sportiva, infatti, Daniele Lapiccirella non resterà sulla panchina del team di serie D. La dirigenza verde blu, a tale proposito, lo saluta calorosamente, ringraziandolo per la professionalità ed il buon lavoro svolto in questi due anni a Pontedera. Il nuovo allenatore della prima squadra sarà Nicola Manetti che ricoprirà insieme a Matteo Maltinti anche il ruolo di responsabile tecnico del settore giovanile. Un personaggio di spicco della pallavolo femminile toscana che sicuramente contribuirà a far crescere la pallavolo Bellaria. Nicola Manetti nato il 31/7/72 Inizia ad allenare nel 1994 nelle giovanili del Bisonte san Casciano vincendo un titolo provinciale u/14 per poi affiancare Matteo Morettini nella allora B2. In seguito approda alla società Euro Due dove porta la società alla finale Nazionale con un fantastico terzo posto. Promosso poi allenatore della prima squadra femminile in serie C. 7anni di carriera li trascorre nella società Euroripoli durante i quali conquista con u/15 e u/17 tre titoli provinciali e tre finali regionali e una finale Nazionale. Approda in B1 a Empoli per due anni, qui nelle giovanili conquista titolo provinciale u/18 e una finale Nazionale u/18. Dopo questa esperienza l´arrivo a San Miniato dove ha trascorso gli ultimi 9 anni allenando sempre giovanile e prima squadra in tutte le categorie dalla D fino alla B2 sempre con formazioni giovanissime. A San Miniato vince 5 titoli u/18 provinciali con tre finali regionali vinte, una semifinale e una finale regionale e tre finali Nazionali. Con u/16 due finali e due semifinali regionali. Con u/14 due finali vinte e una semifinale regionale. Nella sua carriera di allenatore molte atlete da lui allenate ora militano nei campionati Nazionali. Nei prossimi giorni inizierà a lavorare in palestra per definire l´organico che prenderà parte al campionato di serie D e per visionare con Maltinti le atlete del settore giovanile. FORZA BELLARIA!

Conferma importante per la Emma Villas Siena: Michele Fedrizzi ancora biancoblu

E’ arrivato poco più di un anno fa alla Emma Villas Siena, e vi rimarrà per un’altra stagione. Quella in SuperLega. Classe 1991, 192 cm di altezza, Michele Fedrizzi è entrato nel cuore dei tifosi biancoblu e si è dimostrato elemento trascinante della squadra in più di un’occasione decisiva, diventando MVP di diverse gare. Fedrizzi in SuperLega si è già tolto diverse soddisfazioni, prima con Trento, dove ha iniziato, poi con Verona, Molfetta e Padova. A 17 anni la prima esperienza con la squadra trentina, nel 2013 la SuperCoppa e nel 2015 lo scudetto. Arriva nel frattempo l’esperienza con la Nazionale italiana di Coach Berruto per le Final Six di World League in Argentina in cui si guadagna una medaglia di bronzo. Ma la stagione 2017/2018 è uno degli anni più belli per lo schiacciatore trentino: la nascita in estate della piccola Ludovica, avuta dalla compagna Bruna, e la splendida vittoria in Gara 3 di PlayOff al PalaEstra che ha segnato la storia della Emma Villas Siena con la conquista della promozione nella massima serie. Michele Fedrizzi è cresciuto di partita in partita collezionando punti su punti e percentuali invidiabili che, solo nella fase playoff, sfiorano la media del 50% di potenziale offensivo. Micidiale la sua battuta, 132 i servizi di cui 22 ace e un totale di 118 punti con una media di 4 punti a set nelle ultime 8 partite. Seconda stagione a Siena, si alza l’asticella e si debutta in SuperLega… Sono molto felice, ho conseguito il mio obiettivo principale che era quello di poter dare il mio contributo per portare questa società per la prima volta in SuperLega, il fatto di esserci riuscito e rimanere un altro anno qui non può essere che motivo di orgoglio. Non vedo l’ora di ricominciare. Una battuta sul primo arrivo, l’opposto Fernando Hernandez. Fernando lo conosco molto bene, abbiamo giocato insieme a Molfetta. Un ottimo giocatore che saprà fare la differenza. Si caricherà sulle spalle il peso di alcuni palloni importanti da mettere a terra. Il campionato di SuperLega è un campionato molto diverso da quello di A2, quale sarà il tuo approccio e che obiettivi ti dai? L’obiettivo principale è quello di svolgere un buon campionato, raggiungere facilmente la salvezza, battere le nostre rivali dirette e rubare qualche punto alle big che quest’anno sono molto forti. Farlo per noi in primis ma anche per la società e la città che rappresentiamo. Hai assistito ad un crescendo del tifo biancoblu che è culminato nel record di presenze al PalaEstra di 3500 persone sugli spalti. Quale è il tuo rapporto con la tifoseria? Vedere il palazzetto pieno mi carica tanto durante la partita. Quest’anno abbiamo indubbiamente assistito ad un progressivo aumento dei biancoblu a livello di presenze e di partecipazione. Ho stretto amicizia con un gruppo di loro che spero vivamente di ritrovare sugli spalti il prossimo anno. Come impiegherai questo tempo prima del ritorno a Siena? In attesa dell’inizio della preparazione ad agosto non mi farò trovare impreparato, mi concederò una vacanza con mia figlia e la mia compagna, dopodiché ricomincerò subito ad allenarmi per arrivare in forma a Siena. In un’intervista di qualche tempo fa dichiarava: “Non ho mai giocato in una squadra che mi desse così tanta fiducia come sta avvenendo a Siena. Mi trovo benissimo qui, spero di raggiungere qualcosa di storico per questa città e per questa società e mi auguro di giocare con questa maglia ancora per tanto tempo” Le intenzioni non sono state disattese.

Nadia Centoni nuovo preparatore atletico de Il Bisonte

La famiglia de Il Bisonte Firenze è lieta di accogliere un’altra campionessa, ma stavolta non all’interno della sua rosa, bensì nello staff tecnico: il nuovo preparatore atletico della squadra è Nadia Centoni, che dopo una fantastica carriera vissuta fra Italia, Francia e Turchia, ha deciso di chiudere con la pallavolo giocata, per dedicarsi alla preparazione fisica. Durante questo suo ultimo anno di attività a Cannes, Nadia ha partecipato al Corso Nazionale di Formazione per Esperti di Preparazione Fisica nella Pallavolo, promosso dalla Scuola dello Sport del Coni e dalla Fipav, conseguendo il diploma e abilitandosi all’esercizio della sua nuova ‘professione’: da oggi quindi è pronta a mettere a disposizione de Il Bisonte tutte le sue conoscenze, maturate grazie a quest’ultimo anno di studi ma anche e soprattutto grazie a un’esperienza nella pallavolo che in vent’anni l’ha vista partecipare a tre Olimpiadi e vincere sette scudetti e otto coppe di Francia con il Cannes. Nadia Centoni ha già incontrato a Firenze coach Giovanni Caprara e alcune delle giocatrici de Il Bisonte, per impostare e definire la preparazione di squadra e assegnare anche i primi ‘compiti’ individuali.
LE PAROLE DI NADIA CENTONI – “La scelta di smettere di giocare era pianificata, per questo ho cercato di prepararmi l’uscita, partecipando al corso promosso da Fipav e Coni e mettendo le basi per una nuova professione. Sono sempre stata molto interessata alla preparazione fisica, ritenendo che fosse quasi più importante rispetto ad altri aspetti della pallavolo, quindi ho voluto studiare scientificamente la materia. Poi coach Caprara mi ha proposto di lavorare come preparatore de Il Bisonte, e ho accettato immediatamente. Ho intenzione di creare subito un buon rapporto con le ragazze per ottimizzare la loro forma fisica: spero che stiano bene in primis per loro stesse, e poi per rendere al massimo”.

lunedì 28 maggio 2018

Serie C femminile finale play-off: al Dream gara 1 battuto l´EuroRipoli per 3-1.

DVG - EuroRipoli Volley 3 - 1 ( 25/21 23/25 25/12 25/17 )
DVG: Carmignani, Crecchi, Ferrari, Landolfo, Lilli, Loni, Montanini, Passaglia, Rolla, Sciabordi, Sergi. Libero: Battellino. All. Grassini, Sterminio.
EuroRipoli: Bandini, Filippini, Lanni, Mancini, Meli, Palmieri, Pecci, Sacchetti, Starnotti, Vinattieri, Zerini. Liberi: Tuccio, Scialpi . All. Morettino, Accolla.
Arbitri: Torriani, Fiori
Il Dream si aggiudica gara 1 della finale play off contro l´EuroRipoli. La ragazze di Grassini hanno ben interpretato la gara contro un avversario forte, classificatosi secondo nel proprio girone nella regular season, gestendo al meglio le situazioni difficili in modo particolare nel finale del primo set. Nel secondo dopo un iniziale vantaggio hanno calato il ritmo cosentendo alle bagnesi di rientrare in partita. Esemplare poi il terzo set dominato dalle gialloblu pisane con le ospiti che risentivano degli sforzi profusi nel set precedente andavano in crisin contro il gioco aggressivo espressa dalle padrone di casa. Nel quarto set l´ EuroRipoli provava ancora una volta a rientrare in partita, ma in questa occasione le pisane non regalavano più nulla alle ospiti e con un´ ottima serie di servizi della Ferrari conquistavano un buon vantaggio che riuscivano a mantenere fino alla fine. Mercoledì gara 2 a Bagno a Ripoli nella quale la squadra di casa giocherà alla morte per riequilibrare il risultato ed arrivare eventualmente a gara 3 che verrà disputata in casa Dream. Di contro le gialloblu dovranno ben interpretare la gara affrontandola si con umiltà, ma anche con la determinazione che le contraddistingue.

Fonte: l.v.

U13 Finali Nazionali: un grande torneo per Prato

Sedicesimi ai nazionali alla stagione d’esordio praticamente un trionfo. Le finali scudetto di Camigliatello Silano (Cosenza) regalano all’Under 13 di Prato una posizione finale di prestigio ma soprattutto un’esperienza fondamentale per la prossima stagione. Sulle ventotto formazioni italiane giunte in Calabria per giocarsi lo scudetto la formazione di Barbieri ha conquistato la posizione numero 16 ed è un risultato soddisfacente, ripetiamo, per un gruppo all’esordio nel volley dei “grandi”. Unica recriminazione la sconfitta contro Padova in una gara tiratissima e che, in caso di risultato positivo, avrebbe potuto lanciare Prato tra le prime dieci. Per il resto, invece, solo un bravo a tecnici e ragazzi che hanno chiuso il girone d’apertura al secondo posto e che nel girone successivo hanno trovato di fronte quella Montichiari che avrebbe poi chiuso la manifestazione al primo posto. L’Under 13 di Andrea Barbieri ha infatti esordito vincendo per 2-1 (15-13; 8-15; 15-10) contro i pugliesi dell’Alberobello. Stesso punteggio ma rovesciato e quindi con sconfitta pratese di gara due con Prato battuta da La Fenice Roma appunto 2-1 (15-11; 15-4; 11-15). Tutto rinviato al pomeriggio con la sfida ai sardi del Vegavolley e vittoria netta di Prato per 3-0 (15-6; 15-11; 15-5) con conseguente passaggio del turno al secondo posto dietro Roma. Nella seconda giornata nuovo girone con avversarie questa volta contro Arco Riva del Garda, Sport Team Sudtirol Bolzano e Montichiari. Gara d’esordio contro Bolzano vinta per 2-1 (7-15; 15-11; 15-13) ma niente da fare contro la corazzata Montichiari (3-0 e 15-5; 15-6; 15-5) e pratesi relegati alle finali dal 9° al 16° posto. Quarti contro Kioene Padova e sconfitta sul filo di lana (1-2). Prato che chiudeva al sedicesimo posto superato anche da Livorno e Città di Castello. Ora testa a Torino ed alle finali nazionali dell’Under 16 (29 maggio – 3 giugno) con Prato che all’esordio si troverà di fronte nel girone iniziale il Volley Tricolore Reggio Emilia, il Volley Segrate ed una squadra proveniente dalle qualificazioni.

Fonte: Volley Prato

Comunicato Prato Volley Project

Passione e cuore. Sono questi i due concetti che inquadrano meglio le prime settimane di lavoro di Roberto Latini a Prato. La prima intervista al nuovo tecnico dell’Ariete PVP gira intorno a queste due parole che Latini utilizza sia per descrivere il suo rapporto con il volley sia quello che chiede alle sue nuove giocatrici. Allenatore di grande esperienza, con successi importanti nel settore maschile, alla guida della sua Sestese, e nel femminile, con Scandicci ed ancora Sesto Fiorentino, Latini ha le idee chiare e lo sta dimostrando in palestra dove niente è lasciato al caso per costruire al meglio la squadra che affronterà il prossimo torneo di Serie C. Ma eccole le prime parole di Latini da allenatore di Prato. Tanto maschile, poi tanti successi nel femminile ed il marchio di allenatore di Sesto che, in fondo, ti porti anche affettuosamente dietro. “E’ vero tutti mi identificano con l’allenatore della Sestese e questo perché ho allenato tantissimi anni in quella realtà. Ho però a curriculum anche sei stagioni importanti a Scandicci con un secondo posto in B1 che poi è valso il passaggio in Serie A e quindi l’inizio dell’avventura che vede adesso al Savino del Bene disputare con ottimi risultati il massimo campionato. Sono stati anni belli, in cui si allenava e si lavorava bene anche perché negli ultimi tre la società era già targata Savino e quindi c’erano ruoli ben definiti ed una società già strutturata. Comunque, tornando un passo indietro, ci tengo a dire che non solo uno che può allenare dovunque. Sono un passionale e amo allenare dove c’è tradizione, dove c’è appunto passione. E’ questo, ad esempio, che mi ha trattenuto a Sesto anche in categorie non di primo livello”. A Prato per costruire cosa? “Partiamo da una prima squadra che nasce dalla fusione di due formazioni per ridare vigore, smalto a tutto il movimento. La prima squadra per una società è fondamentale perché rappresenta la vetrina non solo verso l’esterno ma anche per le giovanili. Stiamo lavorando per creare il giusto mix per presentarci al meglio al via del campionato. Del resto, come unione di due prime squadre, ci attenderanno al varco in molti e noi dobbiamo essere pronti. Vogliamo provare a giocare bene, a dare entusiasmo ed a far crescere quelle ragazze che devono ancora consacrarsi” Su cosa state lavorando in questi primi allenamenti con un gruppo ancora eterogeneo e che dovrà per forza di cose essere scremato? “Stiamo lavorando per mettere assieme un gruppo di ragazze che ci metta dentro la passione. Quando si parte con una avventura nuova si devono fare dei passi avanti ed il segnale giusto, la passione, lo stimolo a crescere devono partire dalle ragazze. Vogliamo migliorare quanto fatto dalle due squadre divise l’anno passato e per far questo stiamo cercando un mix tra le migliori delle due squadre, innestando su questo tessuto qualche elemento esperto e 2/3 giovani”.
Che ambiente hai trovato a Prato? “Ottimo, molto positivo”. Non solo prima squadra. Allenerai anche una formazione giovanile. “Si allenerò l’Under 12. In tanti mi identificano solo come un tecnico da prima squadra ma è sbagliato. Ho allenato e vinto molto anche nel giovanile in tutte le mie esperienze precedenti e quindi anche a Prato porterò avanti anche un gruppo giovanissimo da far crescere”. Programma di allenamenti pre-vacanze? “Ci alleneremo per tutto il mese di giugno. Dobbiamo lavorare sodo per scremare la rosa e per poi fare almeno due allenamenti di chiusura con le sole ragazze che faranno parte della rosa definitiva”.

Si avvia al tramonto una stagione decisamente positiva per il settore giovanile

Ormai agli sgoccioli anche questa stagione sportiva con le ultime squadre biancorosse che stanno per disputare le partite conclusive dei vari campionati prima di concedersi un piccolo stop per poi ripartire con la programmazione della prossima stagione. La società biancorossa è orgogliosa e soddisfatta della crescita tecnica che le compagini giovanili hanno mostrato sul campo, raggiungendo con esse anche risultati di spessore e soprattutto facendo aumentare l´esperienza a tutte le proprie atlete al fine di farle rendere ancora al meglio nei prossimi campionati. Partendo dai campionati promozionali, il Migliarino Volley ha schierato al via ben quattro compagini impegnate nelle categorie under 12 4x4 e 6x6. Nel campionato 4x4 è stato deciso di schierare atlete 2007, facendo far loro esperienza sul terreno di gioco al fine di avviarle verso il prossimo impegno che le vedrà partecipare al campionato under 12 6x6 nella stagione 2017/18. Dopo un inizio timoroso dovuto all´emozione, entrambe le formazioni hanno preso una maggiore fiducia riuscendo anche ad imporsi in alcune partite nonostante spesso affrontassero bimbe di un anno piu grande. Molto positivi i campionati 6x6 dove Tania Michetti ed Elisa Biagi hanno ben guidato le due formazioni di atlete 2006 ottenendo una notevole crescita di gruppo oltre a qualche buona individualità, dimostrando sul campo tutti i progressi a livello di gioco che hanno portato alla conquista di un buon numero di vittorie. Due sono state anche le formazioni che hanno disputato l´under 13 con Alessandro Ceccarelli ed Emilio Casapieri al timone. La formazione "Bianca" di Ceccarelli è riuscita a mettersi in evidenza mancando per un soffio la qualificazione alla fase regionale uscendo sconfitta in semifinale contro Grosseto, classificandosi comunque al quarto posto in tutto il Comitato Territoriale nonché prima formazione della provincia di Pisa. Un risultato di cui le atlete devono essere fiere e contente considerando l´alto livello del girone dimostrato anche dal fatto che durante la stagione avevano superato in amichevole Nottolini, Oasi e Pescia, giunte rispettivamente prima, seconda e terza nel Comitato Appennino Toscano. Oltre a questo bellissimo piazzamento la squadra ha anche disputato la Coppa Santa Giulia under 14 con l´intenzione di accrescere la loro esperienza in vista del prossimo campionato, con una base decisamente valida dalla quale ripartire. Risultato diverso per l´altra formazione under 13 la quale ha accusato una minore esperienza sul terreno di gioco riuscendo però a fornire buone prestazioni specialmente nell´ultimo periodo. Niente di male in quanto c´è ancora tutto il tempo per crescere sportivamente e cercare di migliorare il proprio bagaglio tecnico provando a raggiungere obiettivi sempre piu alti. Il gruppo 2004, dopo aver partecipato al campionato under 14 con due squadre, ha disputato in quest´ultima fase di stagione alla Coppa San Ranieri under 14 fornendo prestazioni altalenanti ma mettendo in luce delle individualità sulle quali lavorare per il futuro, con traguardi possibili da raggiungere solamente con costanza e massimo impegno in allenamento e mostrando voglia e professionalità nel volerli raggiungere. Come in tutte le altre categorie, anche in under 16 le formazioni militanti erano due, con la "Bianca" affidata a Daniele Favilla e la "Rossa" a Nicoletta Cicconardi. Quest´ultima squadra ha partecipato anche alla Coppa Santa Giulia di categoria conquistando un ottimo secondo posto nel girone e qualificandosi alla semifinale che si disputerà nei prossimi giorni a Stagno. Risultato piu che positivo raggiunto grazie alla serietà ed all´impegno messo dalle bimbe che hanno mostrato una crescita ed una caparbietà che fa ben sperare. Niente coppa Primavera invece per la formazione di Favilla che ha partecipato a due tornei (San Miniato e Castelnuovo Garfagnana). Buoni i risultati in entrambe le manifestazioni con un appunto per il torneo in Garfagnana dove erano presenti altre formazioni di livello quali Nottolini e Versilia, conquistando seppur con alcune assenze un secondo posto, oltre al premio di MVP vinto Martina Della Croce, già inserita stabilmente col gruppo di 1´Divisione. Tantissima l´esperienza sul campo immagazzinata da tutte le atlete di entrambe le compagini che hanno disputato anche due campionati di 3´Divisione andando ad affrontare formazioni composte da ragazze decisamente piu grandi di età. Il bilancio della stagione è pienamente soddisfacente raggiungendo gli obiettivi che la società si era posta l´estate scorsa ovvero la continua crescita del proprio settore giovanile ed il miglioramento dei risultati sportivi. L´intenzione è quella di programmare con serietà e proseguire questo sviluppo con la possibilità anche di riuscire a migliorare e completare numericamente tutte le squadre che verranno organizzate nella prossima stagione, restando umili e ricordando che solamente pochissimi anni fa non avevamo formazioni femminili e che adesso invece siamo riusciti a superare sul campo compagini molto forti e con una storia di numerosi anni alle spalle. Cercheremo di migliorare in tutti i settori, dalla programmazione alla gestione, lavorando in sintonia con l´intero staff tecnico che sarà presente nelle palestre e che dovrà curare al meglio la crescita sportiva e caratteriale di ogni singola atleta.

Il roster della Savino Del Bene prende forma: ecco Mazzaro e Bisconti

Il roster costruito dalla Savino Del Bene sta prendendo forma. Sono in arrivo due giocatrici essenziali per completare l’organico per coach Parisi. Un giovane talento e una giocatrice di esperienza. Stiamo parlando di Alessia Mazzaro e Veronica Bisconti. Veronica Bisconti, classe ’91, è stata già Campionessa d’Italia nel 2011/2012 con Carlo Parisi. Da allora ha alternato stagioni da protagonista in A2 con Soverato e Monza e in Serie A1 con Vicenza e Modena. Il suo ruolo è quello di libero ma puo’ giocare anche in posto 4. Alessia Mazzaro, centrale del ’98, è stata una delle rivelazione della passata stagione con la Lardini Filottrano. A maggio parteciperà ad uno stage con la Nazionale Under 20 di Massimo Bellano. E’ considerata uno dei maggiori talenti nel suo ruolo. Massimo Toccafondi: “Stiamo arrivando in una fase delicata del mercato, era essenziale mettere delle figure fondamentali visto gli impegni della prossima stagione. Sono due giocatrici molto importanti all’interno del nostro roster, le stimo e sono sicuro che faranno bene. Mercato finito? Assolutamente no, stiamo lavorando ancora molto…”.

Under 20 in Campania per le Finali Nazionali

E’ tutto pronto, ad Agropoli sta per alzarsi il sipario sulla più importante kermesse di categoria: l’assegnazione del titolo di Campione d’Italia under 20 per la stagione 2017/18. Nella splendida località del Cilento nella provincia salernitana, si sfideranno le 20 migliori squadre italiane, ossia le 18 squadre vincitrici la fase regionale (con esclusione di Valle d’Aosta e Trentino che non partecipano) più le seconde classificate di Lombardia e Campania. Con pieno merito e tanto onore a contendersi lo scudetto di categoria partecipano anche i Lupi, grazie al rocambolesco e appassionante titolo regionale conquistato a discapito del Volley Arezzo. La mente torna a quell’incredibile serata di circa tre mesi fa quando i Lupi espugnarono Lido di Camaiore battendo 3-0 l’Upc Volley e vinsero il Campionato solo grazie al quoziente-punti (una manciata!) sugli sfortunati rivali aretini. Pleonastico dire che il lotto dei partecipanti è qualificato e che sicuramente i fortunati assisteranno ad uno spettacolo pallavolistico di grande livello. Volley Segrate (Campione d’Italia under 19 in carica), Matervolley Castellana Grotte, Lube Civitanova (Mc), Scuola di Pall. Anderlini Modena, sono solo alcune delle squadre che daranno lustro alla manifestazione. Le 20 squadre sono state suddivise in 5 gironi di 4, al termine dei quali le prime 3 classificate di ogni girone più la migliore quarta, daranno vita agli ottavi di finale, poi i quarti e via fino alla conquista del titolo. Logicamente migliore è il piazzamento ottenuto nella fase a gironi e più alte sono le probabilità di andare avanti. I Lupi sono stati inseriti nel Girone A insieme a : Spinnaker Albisola Volley (Savona – Liguria), Vero Volley Veneto Gas & Pover che a dispetto del nome è la squadra che rappresenta Lombardia 1 (Monza) e Snav Folgore Massa (Massa Lubrense, prov. Napoli – Campania). L’esordio dei Biancorossi è previsto per giovedì 31 (h.11) contro l’Albisola Volley ed è un esordio tosto contro la quotata squadra ligure che ci dirà di che pasta siamo fatti e che ruolo reciteremo in questo torneo. Nel pomeriggio (h.18), scontro con i Monzesi del Vero Volley. La fase a gironi si chiuderà il giorno successivo (h.9) contro i Campani della Folgore Massa.
La spedizione dei Lupi che muoverà verso la Campania la mattina di mercoledì 30 sarà così composta: ATLETI: Alessio Puccetti e Luca Riposati (palleggiatori). Emanuele Anselmi e Alberto Giotti (opposti). Biagio Bottari, Federico Montini, David Sljivic, Pietro Nieri assente nella foto ufficiale (centrali). Nicola Coltelli, Lorenzo Facchini, Ludovico Pantani, Tommaso Polidori (schiacciatori). Diego Li Vecchi e Andrea Orlandi (liberi).
STAFF TECNICO: Alessio Zingoni (primo all.), Gianluca Bastiani (secondo all.), Alessandro Rocchini (fisioterapista).
DIRIGENTI: Calcedonio Li Vecchi, Paolo Polidori, Fausto Zingoni.
Per tutti un sincero, sentito, caloroso in bocca al lupo e una certezza: il blasone dei Lupi è in buone mani!

sabato 26 maggio 2018

Alle gialloblu anche la gara di ritorno della semifinale, travolta la IUS Arezzo per 3-0

DVG - IUS Pallavolo Arezzo 3 - 0 ( 25/15 25/15 25/18)
DVG: Carmignani, Crecchi, Ferrari, Landolfo, Lilli, Loni, Montanini, Passaglia, Rolla, Sciabordi, Sergi. Libero: Battellino. All. Grassini, Sterminio.
IUS Pallavolo Arezzo: Borgogni C., Borgogni M., De Crescenzo, Diouf, Gamberi, Magnanensi I., Magnanensi S., Mariottini, Morari, Nataletti, Morari, Ricciarini. Libero: Bufalini. All. Locci, Paffetti.
Arbitri: Fiori, Fantoni.
Il Dream batte ancora l´ Arezzo nella gara di ritorno e si qualifica per la finale dei playoff. Ottima prestazione delle gialloblu che non lasciano scampo alle aretine imprimendo alla gara un ritmo insostenibile per le avversarie arrivate a Pisa con l´intento di ribaltare il risultato negativo subito tra le mura amiche, ma per lo IUS è rimasto solo un intenzione. Il divario tra le due formazioni già accennato nella gara di andata è aumentato in quella di ritorno con le pisane padrone del campo con un servizio insidioso, una difesa attenta e un attacco da categoria superiore che non ha lasciato scampo alle avversarie e che non ha dato adito a recriminazioni, come nella gara di andata. Due set giocati a mille per Ferrari e compagne che sostenute da in tifo incessante hanno bloccato sul nascere ogni velleità delle aretine a tratti incapaci di reagire e fallose in molte occasioni tanto da spianare la strada verso la qualificazione alla finale alle pisane. Nel terzo set diverse sostituzioni ma il risultato non cambia. Sabato gara uno contro l´altra finalista EuroRipoli alle ore 21,15 al Paladream.

Fonte: l.v.

Si conclude una grandissima stagione per il Dream Volley Fucecchio

DREAM VOLLEY FUCECCHIO – ALVA INOX DELTA VOLLEY PORTO VIRO 2-3
DREAM VOLLEY FUCECCHIO: Lumini 25, Hendriks 25, Rocchini 7, Ferretti, Fruet 4, Lazzeroni 4, Aliberti 2, Lusori n.e., Rossi n.e., Giani n.e., Caramelli n.e, Cenni n.e.; liberi: Lupetti e Tesi. Coach: Marco Nuti.
ALVA INOX DELTA VOLLEY: Cuda 19, Dordei 15, Luisetto, Masiero 8, Maniero 8, Lamprecht 4, Osellame 1, De Angeli, Pavan, Trolese, Bosetti n.e., Gallo n.e.; liberi: Fusaro e Fregnan. Coach: Mario Di Pietro.
Arbitri: Andrea Galteri e Fabrizio Giulietti.
Successione set: 25-19/22-25/25-15/23-25/11-15.
Battute sbagliate Fucecchio: 22; Aces: 13; Muri: 4.
Battute sbagliate Parma: 16; Aces: 5; Muri: 4.
Il Dream Volley Fucecchio, squadra nata dalla collaborazione tra il Volley Fucecchio ed il Dream Volley Pisa, dopo una cavalcata a dir poco spettacolare ed entusiasmante, sorprendente sotto alcuni punti di vista perché inaspettata, anche se fortemente voluta, non ce la fa. Si conclude questo cammino iniziato a fine Agosto 2017, che ci ha portato ad essere vittoriosi nella maggior parte delle partite disputate ed ad uno splendido secondo posto in classifica nella regular season. Questo piazzamento conseguito a fine campionato ci ha dato la possibilità di giocarci contro Porto Viro, squadra costruita per e vincere e ricca di talenti, i playoff promozione per la Serie A2, traguardo assoluto per il sodalizio fucecchiese. Una società di persone unite da una passione, la pallavolo. Senza ombra di dubbio questo incredibile risultato è arrivato per merito nostro e per il durissimo lavoro che i nostri ragazzi hanno affrontato, sapendo anche gestire ulteriori impegni come lo studio le famiglie ed il lavoro. Il gruppo è stato compatto e unito fin da subito e questo ha creato insieme alle altre cose l’ingrediente giusto per creare una annata magica e ricca di soddisfazioni come quella appena conclusa. Con la seconda sconfitta, stavolta subita tra le mura di casa davanti ad un numerosissimo e caldissimo pubblico, a cui vanno i nostri più grandi ringraziamenti, Fucecchio conclude l’annata. Rispetto alla partita affrontata a Porto Viro lo scorso Sabato, dove i nostri avversari hanno avuto vita facile con una vittoria netta, i bianconeri sono scesi in campo con la determinazione e la convinzione che li aveva contraddistinti fin da inizio anno. Finisce 3/2 dopo ben 2 ore e 20 di gioco e anche con più di una possibilità di vittoria come nel quarto set. Prima del fischio di inizio Maurizio Riccioni ha consegnato una targa celebrativa ai fratelli Gronchi per il raggiungimento dei 40 anni di attività del Main Sponsor “Gruppo Lupi” con tutto il pubblico presente ad applaudire un’azienda che ha costruito la propria storia con serietà e professionalità e che ormai da diversi anni è al fianco del Volley Fucecchio. Dream Volley scende in campo con la formazione tipo composta da Lazzeroni-Hendriks in diagonale, al centro Rocchini e Ferretti, attaccanti da posto quattro Lumini e Fruet, libero Lupetti. Anche Porto Viro conferma la formazione vista in Gara 1, con Osellame alzatore e Maniero opposto, centrali Masiero e Luisetto, Cuda e Dordei schiacciatori, Fusaro libero. Subito partenza con il botto da parte di Hendriks che scuote la ricezione avversaria con 2 ace consecutivi (2-0); anche Lumini, vero mattatore della serata con una prestazione di altissimo livello, spinge forte e porta la squadra in vantaggio sul 10-5. Porto Viro non riesce a trovare la quadratura in campo e commette molti errori in fase offensiva. Dordei, che dalla linea dei 9 metri si fa carico della squadra, infila una serie di battute positive cercando di diminuire il gap ma è troppo tardi, Fucecchio chiude sul 25-19. Prima della ripresa del gioco è sceso sul campo di gara il piccolo Niccolò, un bambino vittima di un gravissimo incidente stradale nel corso dell’inverno, a cui i ragazzi avevano già donato un pallone autografato, ricevendo un calorosissimo applauso da tutti i presenti e ringraziando tutti gli atleti del Dream Volley Fucecchio con un simbolico “cinque”. Nel secondo set la reazione avversaria non tarda ad arrivare, ma con i bianconeri che restano attaccati al punteggio fino al 14-16. Cuda che fino ad allora aveva fatto vedere ben poco sembra svegliarsi ed inizia a con il suo gioco incisivo sia in attacco che dalla zona di battuta. Lazzeroni infila un ace sul 19-21 e sembra poter guidare la propria squadra al 25, ma Dordei ed in seguito Maniero chiudono la pratica portando il risultato in parità, 1-1. Capitan Rocchini e compagni scendono in campo per il terzo set in una partita dagli animi infiammati, soprattutto sugli spalti. Partenza col botto e subito 3-1 per i padroni di casa; ancora un ottimo turno al servizio di Lazzeroni e Rocchini per il vantaggio fino al 15-9. Fruet tiene bene in ricezione aiutato da Lupetti, e nonostante le varie sostituzioni del Porto Viro per rientrare in gioco non c’è niente da fare. 25-15 per i padroni di casa. Cambio per la squadra ospite che tenta la carta Cuda opposto, visto che la soluzione Maniero non stava girando, ed ingresso di Lamprecht come schiacciatore-ricevitore. La nuova soluzione paga e mette in difficoltà il Fucecchio in un quarto set che sembrava poter portare alla vittoria sul 18-14, ma è solo una illusione. Il nuovo entrato Lamprecht con un ottimo turno al servizio permette il recupero dei nero-fucsia ed il sorpasso (18-19). E’ un susseguirsi di azioni incredibili, 20-19 per i bianconeri ed ancora 20-21 per gli avversari che allungano 20-22 ed in seguito con l’errore di Hendriks 20-24 e 23-25. Ennesima parità 2-2. Tie break dove Fucecchio cede, visibilmente stanco dopo una partita incredibile ed entusiasmante; a Porto Viro viene tutto facile e non sbaglia un pallone, padroni di casa che provano a recuperare fino al 10-12, e con un doppio cambio i nero-fucsia chiudono la pratica grazia a Maniero, 11-15. Adesso dopo questa annata ricca di soddisfazioni come la qualifica per la Coppa Italia e i Playoff A2, purtroppo conclusi precocemente, la società ed i ragazzi avranno di che festeggiare. Dopo il consueto periodo di riposo ricominceranno gli allenamenti e la fase organizzativa per allestire la rosa per il prossimo anno. Grazie Ragazzi, alla prossima stagione.

venerdì 25 maggio 2018

Federico Arena, nuova convocazione nella Rappresentativa Regionale Maschile

Montebianco Pieve Volley comunica con somma soddisfazione che Federico Arena, giocatore classe 2002, è stato convocato ufficialmente all'attività inerente al Progetto di Qualificazione Regionale Maschile che si terrà all'impianto "Enriques" di Castelfiorentino, Domenica 27 Maggio. Federico - che nei mesi passati aveva già partecipato all'attività sopracitata - in questa stagione sportiva si è messo in luce con le formazioni U 18 e Prima Divisione Montebianco Volley e con l'U 16 Firenze Volley, raggiungendo con la squadra gigliata la vittoria territoriale e arrivando alle semifinali regionali del campionato di categoria. La società, con grande orgoglio, desidera complimentarsi con il proprio atleta per questo prestigioso riconoscimento, augurandogli un grande in bocca al lupo!

È finale, l’Olimpia Firenze rischia ma alla fine svalica il Montebianco: 3-2

Serie C maschile SEMIFINALE PLAY OFF ritorno
Firenze Volley – Montebianco Volley 3-2
FIRENZE VOLLEY: Bandinelli, Barbera, Catalano, Cena, Coletti, Corti, Cotroneo (L1), Di Benedetto, Gristina (K), Magnini, Onori, Prosperi Turri (L2), Salvini. All. Saccardi.
MONTEBIANCO VOLLEY: Carrai, Del Testa, Fattorini, Flengo, Francesconi, Fronteddu (L2), Lombardi, Magni (K), Menichetti, Pasquetti (L1), Pianiginai, Pilucchini, Poli. All. Francesconi
SET: 23-25, 15-25, 25-11, 25-16, 15-12
ARBITRO: Campinotti Luca, Rafaniello Gaetano
FIRENZE – Se fosse un film, il ritorno della semifinale play off di serie C si intitolerebbe ‘Paura e Delirio al PalaMattioli’. Due ore di inteso gioco da parte delle due formazioni hanno regalato ai numerosi spettatori una serie di emozioni, duelli e capovolgimenti da cardiopalma. Il Montebianco Volley mette in campo tutto quello che ha e impensierisce più di una volta le fila dell’Olimpia Firenze Volley. D’altro canto i ragazzi di Firenze risorgono come araba fenice e riescono a conquistare una metà che rischiava di essere solo un sogno. Ma partiamo con ordine. Entrambe le formazione sfoderano sin da subito il sestetto più stabile e lo scontro si apre subito in grande stile. In principio del primo set è il Firenze ad avere la meglio sugli ospiti ed ha prendere anche un bel distacco. Tanto è vero che sul 14-6 il Firenze sembra avere la vittoria in pugno. Poi tutto cambia: Montebianco inizia ad ingranare e ha fare break di due punti alla volta, avvicinandosi sempre di più. I fiorentini sembrano intimoriti dal riavvicinarsi degli avversari e iniziano a sbagliare, regalano altri punti. Gli ospiti aumentano ancora il ritmo e alla fine appaiano i ragazzi di Saccardi sul 22-22. Il Montebianco continua a tenere duro e alla fine la spunta sul 23-25. Nel secondo set i biancorossi sembrano essere intontiti dalle manovre del Pieve a Nievole e subisce una forte offensiva da parte di capitan Magni e i suoi. Il montebianco prende il largo e sul 9-13 inizia a premere sull’acceleratore. In battuta Pianigiani e Lombardi mettono in crisi la ricezione fiorentina, mentre l’attacco dei locali perde di efficacia. Saccardi prova a cambiare qualcosa verso il finale del set ma non c’è nulla da fare e i ragazzi di Francesconi chiudono con un perentorio 15-25. Nel terzo set l’Olimpia finalmente si riprende, e qualche cambio in formazione aiuta a sbloccare la partita. In campo per i fiorentini scendono Catalano, Bandinelli e Prosperi in posizione di libero, che senza timore affrontano sin da subito la partita in modo risoluto. L’avvio sembra portare il match al punto su punto, ma è solo parvenza: infatti dopo un paio di errori da parte di entrambe le squadre, è il Firenze a prendere il largo, portandosi subito sull’8-1. Da qui Catalano e Banditelli fanno un ottimo lavoro in attacco e Barbera non manca di servirli al meglio, grazie anche al bellissimo lavoro difensivo del giovane Prosperi Turri.Il set ora scorre abbastanza veloce e in men che non si dica si arriva sul 20-10. Da li la conclusione non è molto distante e il Montebianco cede le armi sul 25-11. Il quarto set si riapre con un po’ più di aggressività da entrambe le parti, tanto che si accendono anche gli animi sotto rete. L’equilibrio sembra tornare a farla da padrone, e si avanza sempre con un paio di punti in più; sul 5-2 Catalano va in battuta e inizia a martellare la ricezione ospite, con un bel turno di salto spin che porta anche due ace diretti, aumentando considerevolmente il vantaggio fiorentino fino al’8-2. Il Montebianco però non getta la spugna e si rifà sotto. Barbera sfutta bene ogni occasione di attacco e trova delle belle soluzioni sia con Cena che con Bandinelli, sfruttando anche al meglio la possibilità di primo tempo con Gristina e Coletti. Ancora un giro e Catalano ritorna in battuta: galvanizzato dall’ottima prova che la squadra sta offrendo, l’opposto di Firenze riparte con la sua carica infernale in battuta al salto, travolgendo ancora una volta la ricezione del Pieve a Nievole e portando il risultato sul 17-10. Prova il montebianco a rispondere, cambiando anche la regia di Pianigiani, ma oramai la difesa fiorentina lascia veramente pochi spazi all’offensiva ospite e controbatte ancora con un Catalano in versione ‘special’ anche in attacco: 21-12. Sul 24-15, il palazzetto è pronto ad esplodere per la conquista della tanto sospirata finale: ricezione fiorentina e Barbara non ha dubbio: palla in primo tempo a Coletti e 25-15 che porta l’Olimpia Firenze Volley in finale. Il tie break è ormai una pura formalità e Saccardi lascia un po’ di respiro a parte dell’ultimo sestetto. Nonostante ciò anche il Firenze si dimostra ancora ‘bestia mai doma’ e riparte sin da subito con un buon ritmo. Al cambio campo il Firenze è avanti di un paio di punti e ci pensa Onori in battuta a mantenere costante questo vantaggio. Sul 13-12 però il Montebianco non resiste più e il Firenze chiude le ostilità con un buon 15-12. Grande la festa in campo e sugli spalti dei fiorentini, che oltre la vittoria festeggiano anche il compleanno di capitan Gristina, classe 1975, ancora una volta tra i giocatori fondamentali del match.
Ora l’appuntamento passa direttamente a questo sabato, contro un’altra conoscenza di campionato: infatti nell’altra semifinale la Robur Scandicci passa con un netto 3-1 sulla Sestese, portando l’andata e l’eventuale spareggio di finale, tra le mura amiche dell’Olimpia Firenze Volley. Appuntamento quindi a sabato 26 alle ore 21.00 presso il palaValenti, in via Taddeo Alderotti, per gara 1 di promozione.

Siena presenta il primo acquisto: da Cuba arriva l’opposto Hernandez!

E’ arrivato ieri pomeriggio il primo grande acquisto per la società senese del Presidente Bisogno. Sono infatti passati solo pochi giorni dalla promozione conquistata sul campo del PalaEstra, ma lo staff ha lavorato all’ombra dei festeggiamenti per affondare il colpo nel mercato della SuperLega. Dopo l’arrivo del DG Vittorio Sacripanti e la conferma di Coach Juan Manuel Cichello, arriva la prima pedina sullo scacchiere della nuova stagione nella massima serie: il fuoriclasse cubano Fernando Hernandez Ramos. Classe 1989, alto 196 cm, mancino, l’opposto d’oltremare si è fatto notare in Italia già in due occasioni, prima a Molfetta – suo il titolo dell’UnipolSai MVP del mese di Dicembre 2016 con una media di 28 punti e 22 attacchi punto a gara nei tre match precedenti al premio – e poi a Piacenza, l’anno successivo, dove chiude la Final Four con 42 punti in due gare e percentuali di attacco superiori al 50 per cento, un dato non inconsueto per il bomber latino che è comparso più volte sui giornali come “mister 30 punti”:
CURRICULUM
I primi passi sono tra le fila della formazione provinciale del Ciudad Habana. Arrivano proprio in quel periodo le prime soddisfazioni: la medaglia di bronzo al campionato nordamericano pre-juniores nel 2006, e quella d’argento nel 2009 nel campionato mondiale juniores. Il 2009 è anche l’anno del suo ingresso nella nazionale cubana: si guadagna presto il soprannome di “Dinamite” per una battuta efficace ma anche, non così scontato per un opposto, per una grande incisività a muro. Conquista negli immediati anni un oro al campionato nordamericano e un argento alla Grand Champions Cup (2009), un argento al campionato mondiale e un oro a quello nordamericano (2011). In quest’ultima competizione viene insignito del premio di migliore al servizio. Il 2011 è anche l’anno in cui l’italia fa la conoscenza dell’opposto quando, durante la World League, ospitò ad Andria la formazione caraibica. Hernandez mise a segno 19 punti, trascinò la squadra al tie-break e risultò il miglior marcatore della partita. E’ solo l’inizio. Miglior battitore ai XVI Giochi Panamericani e poi best scorer nella World Cup con 225 punti messi a segno in 11 partite e una media di 20,5 punti a match. Titoli e numeri conquistati sul campo che lo fecero balzare all’attenzione mondiale. Il 2012 segna l’anno del ritiro dalla nazionale e, dopo un periodo di inattività, arriva la firma con il club dell’Jtekt Stings della V. Premier League giapponese dove vi rimane per due anni. La stagione 2015/2016 segna finalmente il suo debutto in Italia con Exprivia Molfetta dove incanterà la penisola confermandosi attaccante di livello assoluto e chiudendo la stagione al terzo posto nella classifica di migliori marcatori con 441 punti totali (di cui 55 ace e 31 muri), nove in meno di Atanasijevic e Torres (ma con una gara in panchina in più). Nella stagione 2016/2017 si sposta a Piacenza con la LPR restando fedele ai propri record personali. I 563 i punti realizzati lo proiettano secondo nella classifica dei battitori e primo in quella dei migliori realizzatori di quella stagione e, l’anno successivo, vola in Turchia con l’Halkbank Ankara, club dagli ottimi numeri: nove gli scudetti di cui tre consecutivi negli ultimi anni, l’ultimo vinto proprio con Hernandez lo scorso aprile.
2017-2018 HalkBank Ankara
2016-2017 LPR Piacenza
2015-2016 Exprivia Molfetta
2012-2015 Jtket Stings

U 14/M: Montebianco, niente da fare a Certaldo. In gara due i bianconeri si arrendono in tre set

Trasferta da bollino rosso per la formazione U 14 di Andrea Francesconi, sotto la supervisione del bravo Gabriele Bruni. I pievarini fanno tappa a Certaldo, per disputare la gara di ritorno playoff del campionato di categoria. Tre giorni prima rispetto alla gara odierna, era stata la forte Pallavolo Certaldo di Fabrizio Costagli a passare con il massimo risultato (0-3) in quel di Pieve a Nievole. L'obiettivo di questo secondo incontro è semplicemente quello di fare una buona performance ed uscire dal campo a testa alta. Tuttavia, sono le differenti motivazioni tra le due squadre ad essere decisive per l'andamento dei tre parziali: già nel primo, la Pallavolo Certaldo è una furia che si abbatte in modo tempestoso ai danni della malcapitata Pieve, a segno soltanto in tre occasioni. Meglio nel secondo periodo, con i bianconeri che cercano di abbozzare una reazione: bene nei primi scambi della frazione, poi è la solita compagine di Certaldo a dilagare (25-14). Stesso tema nel terzo set che fa registrare la facile affermazione di Certaldo, lasciando gli ospiti a 11. Sull'analisi generale del campionato ci eravamo già soffermati in occasione dell'ultima del girone, in casa con Prato, parlando di annata transitoria. Qui soltanto per aggiungere l'importanza della possibilità di poter disputare le fasi finali del torneo di categoria, rendendo merito alla buona stagione disputata dalla squadra di Francesconi. A presto per una nuova avventura!
A.p. Pallavolo Certaldo-Montebianco Volley 3-0 (25-3/25-14/25-11): Bonfanti, Bruni, Cardelli, Dami, Fasola, Furetta, Morini, Tintori, Volpi. All.: Francesconi.

I ragazzi ce l'hanno fatta: è serie C

Vincere non è mai facile, anzi, è quasi una cosa eccezionale. La vittoria si puo' raggiungere in tanti modi diversi; ci sono vittorie che si ottengono per il superiore tasso tecnico, altre per l'esperienza dei giocatori dopo tanti campionati disputati, altre ancora, per un'alchimia magica che si crea all'interno di un gruppo. Nessuna di queste pero', corrisponde alla vittoria a cui abbiamo assistito ieri sera, raggiunta nel modo piu' bello e gratificante possibile. Con il lavoro, il sacrificio, la dedizione giornaliera, i centinaia di allenamenti fatti, la programmazione di una società, la bravura di un allenatore che per anni ti migliora e di spinge al tuo massimo ogni giorno, con lo scopo di ottenere un domani quello che poi è il sale dello sport, ovvero, la vittoria!!! Ieri sera abbiamo assistito ad una delle pagine piu' belle della nostra società , paragonabile alle grandi prestazioni in serie B della prima squadra degli anni passati. Una partita magistrale davanti ad un pubblico numerosissimo e calorosissimo, fatta da un branco di ragazzini terribili, che per la prima volta conquistano una storica promozione in serie C. Ed è proprio questa loro gioventu' che ha reso tutto veramente magico, coinvolgendo nella cavalcata trionfale tutto l' ambiente pallavolistico, ieri presente al completo in tribuna ad applaudire quello che rappresenta un vero capolavoro. Un regista esperto non poteva fare meglio di quello che la sorte ha poi riservato a questi ragazzi, donandoli quello che ogni pallavolista sogna ogni notte, ovvero festeggiare dopo una rimonta da 0-2 di fronte al proprio pubblico. L'apoteosi finale è grande e giustifcata, per un gruppo di lavoro che ha voluto ad ogni costo raggiungere questo obiettivo, proprio per la valorizzazione di un biennio fantastico. Francesco Masala: " E' stata una serata magica, di quelle che capitano poche volte, siamo ovviamente molto contenti sia per il risultato ma soprattutto perchè ottenuto grazie ad un grande lavoro collettivo, dove ovviamente le capacità dell'allenatore sono state determinanti. Ha avuto il merito non solo di farli crescere tecnicamente, ma di imprimere in loro la cultura del lavoro e del senso di appartenenza. Ho fatto naturalmente i complimenti a tutti i ragazzi, che sono stati eccezionali, ricordandogli cosa ci eravamo detti all'ultima cena della scorsa stagione, quando ci apprestavamo ad affrontare il nuovo anno carico di responsabilità ed aspettative, che poi sono state ampiamente ripagate. "

Playoff Serie C/M: Montebianco, sfuma il sogno

La squadra di Francesconi illude (0-2), ma Firenze rimonta e va in finale (3-2)
E’ la gara che vale una stagione, ci si gioca il tutto per tutto. Il Montebianco Volley di Andrea Francesconi si dirige presso il “PalaMattioli” di Firenze per tentare la remuntada. In gara due della semifinale playoff di Serie C, insieme al calore della solita nutrita pattuglia di sostenitori, i bianconeri tentano l’impossibile: non si potrebbe definire altrimenti, perché bisogna ribaltare il secco 1-3 rimediato quattro giorni prima a Pieve a Nievole. Una gara, quella della “Fanciullacci”, messasi presto in discesa per la compagine del capoluogo toscano; ripida e tortuosa, invece, la strada che deve percorrere la truppa di Francesconi per cercare di vedere spalancate le porte della finalissima. Ma la squadra del presidente Severi deve provarci con grande spirito battagliero, sia pure in campo avverso e contro un Firenze Volley, rivale di sempre, che più volte ha dimostrato di essere team di altissimo blasone. Sestetti identici alla prima sfida su entrambi i fronti: Firenze con Barbera-Di Benedetto, Onori-Coletti, Magnini-Cena, Cotroneo; Pieve schiera Pianigiani-Fattorini, Magni-Menichetti, Francesconi-Lombardi, Pasquetti. Primo set in cui è la squadra di casa che parte meglio (4-2), sfruttando qualche imprecisione nel gioco avversario, tenendo le due lunghezze di vantaggio con Di Benedetto da seconda linea (7-5/8-6), quindi arrotondando con il muro di Onori su Fattorini e l’out di Francesconi (10-6): time out Pieve. Sembra la brutta copia degli ultimi due set di Pieve a Nievole, con poco mordente da parte degli ospiti, ed un Firenze che continua a spadroneggiare con Cena, 11-6 (nonostante le grandi difese di Fattorini su Di Benedetto) ed il punto-difesa di Cotroneo sulla bordata dal centro di Menichetti: il secondo time out di Francesconi arriva successivamente all’attacco di Cena, sporcato dal muro pievarino (14-6). Lo spartito di questa frazione deve pur cambiare e qualcosa, in tal senso, si comincia a vedere dopo il 16-9 gigliato: Lombardi è bravo a mettere a terra un pallone scomodo (17-10), poi va al servizio. E’ il turno del veterano numero 12 pievarino a rendere sempre più farraginosa la ricostruzione di Firenze, con Barbera che deve muoversi a più riprese e giocare con palla staccata da rete: la difesa ospite è ben piazzata, quindi capitalizza in contrattacco con Fattorini prima, Francesconi dopo (18-12). Il coach-giocatore si ripete un paio di minuti più tardi sparando addosso a Cotroneo, che nulla può, 18-14: time out Saccardi. Magni griffa in pallonetto e l’allenatore fiorentino ricorre al consueto cambio di diagonale: dentro Corti e Catalano per Barbera e Di Benedetto. Ma è poco felice l’impatto del palleggiatore ex Prato: Coletti mette out e poi non si intende con il suo numero 5. Rapace è Francesconi ad approfittarne con la frustata del 18-19, valevole l’incredibile sorpasso pievarino. Torna la diagonale titolare nella squadra di casa (Barbera-Di Benedetto), ma Pieve tiene botta con il mani out di Francesconi (18-20), decisivo con il muro vincente su Di Benedetto (19-21). L’opposto numero 15 gigliato comunque va regolarmente a segno nelle successive due occasioni (20-21/21-22): in questo frangente lascia il campo per infortunio l’esperto Cotroneo ed entra in seconda linea il giovane Prosperi Turri, qualche giorno prima laureatosi al secondo posto nel regionale con l’U 18 e che sarà uno tra gli eccellenti protagonisti della serata. Menichetti risponde presente, perciò Francesconi esce per giocare la carta Carrai dai nove metri. Il fendente mancino dell’ex Cascine è diretto proprio ad un Prosperi in difficoltà, ma Pieve non ne approfitta, con Fattorini cancellato da Onori (22-23). Quest’ultimo, però, serve un assist all’avversario con l’errore dai nove metri (22-24). Di Benedetto non sbaglia in prima linea ed il suo servizio viene ben arginato da Pasquetti in tuffo: Pianigiani smarca Magni, il quale non fallisce con il primo tempo del tiratissimo 23-25, arrivato dopo una rimonta sensazionale da parte del clan valdinievolino. E’ l’episodio che può cambiare interamente, o quasi, la storia di questo doppio confronto. Così sembra nel secondo set, perché il Montebianco parte alla grande con un paio di contrattacchi di Lombardi (0-4). Saccardi rinuncia al roccioso Onori, inserendo capitan Gristina. Ma tutto funziona a meraviglia negli ingranaggi bianconeri grazie ad un cambio palla senza sbavature: Lombardi (2-5), Fattorini da seconda linea (3-7) ed il muro di Menichetti su Cena (5-10) scaldano i cuori di un pubblico ospite che torna fortemente a crederci. Saccardi toglie lo stesso Cena, gettando nella mischia Bandinelli. Fattorini fucila in parallela (6-12), l’out di Magni (9-13) convince Francesconi a sospendere un attimo. Giusto il tempo per ritrovare la retta via, infatti è proprio capitan Magni a dire no a Di Benedetto (9-15), così come farà Pianigiani ai danni dell’ex compagno Bandinelli (10-16). Out Coletti (11-18), dentro Catalano per Di Benedetto. Menichetti annienta Bandinelli (11-19). Saccardi capisce che ormai il set è irrimediabilmente compromesso e lascia spazio a Salvini e Corti. Francesconi crea i presupposti per il raddoppio (15-23), che arriva puntuale dopo l’infrazione in palleggio di Corti: 15-25. Conto set perfettamente in parità: a Pieve ne basta uno per l’impresa, mentre Firenze deve scacciare l’incubo di una beffa clamorosa. A far rumore, ora, sono solo i supporters della Valdinievole. Saccardi, in questa serata coadiuvato da Carlo Maria Mitti, spera nell’ausilio della panchina: dentro dall’inizio del terzo set Catalano in diagonale con Barbera, Gristina insieme al confermato Onori, Bandinelli (per Magnini) con Cena, Prosperi (quest’ultimo cambio obbligato). Sale alla ribalta proprio l’opposto numero 9 ex Volley Prato, Andrea Catalano, il cui turno dai nove metri provoca danni ingenti nella metà campo ospite: ace del 4-1 e favorendo i due muri di fila di Coletti, oltre al contrattacco in pallonetto dello stesso opposto di scorta di Saccardi: 8-1. Entra Del Testa per Lombardi, ma è il solito Catalano a rappresentare l’ancora di salvezza dei suoi, attaccando sulle mani alte del muro (10-2). Torna Lombardi per Del Testa, ma il gioco bianconero non decolla mai ed è Catalano, sempre lui, a stuzzicare le mani di Menichetti per il 14-6 gigliato. Lombardi sull’asta (17-9), Catalano e Coletti a segno, mentre Francesconi chiede il secondo tempo discrezionale sull’out di Fattorini: 20-10. Ultimi scambi della frazione ormai in mano a Firenze: Catalano con la parallela del 22-11 e chiusura Cena per il 25-11 che costringe Pieve a cercare il set di spareggio. Ci si attende un impatto di fuoco dei valdinievolini nel quarto, ma così non è, anzi è sempre Firenze a sfruttare i numeri dai nove metri di un Catalano indiavolato: diagonale a segno e due ace che costringono Francesconi a far ragionare i suoi (6-2). Dopo due errori in attacco, tocca a Flego provare a dare una svolta (8-2). Però Firenze si tiene avanti in maniera salda con due spunti di Cena (11-4), Catalano (12-6) ed il primo tempo di Gristina (14-8). Catalano, nemmeno a dirlo, trova l’ennesimo acuto del match dai nove metri (con aiuto nastro) per il 16-10, poi è la difesa di Prosperi su Francesconi a propiziare il secondo time out bianconero. Fattorini, una gemma nel deserto (18-12), in quanto Cena in parallela e Catalano a sparare su Flego indirizzano Firenze su binari che diventano sempre più solidi dopo il colpo da quattro di Catalano (23-14). La ricezione-punto di Cena è il segnale di una resa che si materializza sul primo tempo di Coletti: 25-16, Firenze stacca il biglietto per la finale dove troverà la Robur Scandicci di Federico Guidi, in un derbyssimo tutto fiorentino. Il tie-break, chiaramente, non interessa più a nessuno e si gioca solo per obblighi di regolamento. A vincerlo è la compagine con il morale più alto per il traguardo conseguito, Firenze Volley, a chiudere sul 15-12 con Di Benedetto. Da segnalare, tra le file ospiti, l’ingresso di Carrai per Fattorini sul 6-6. Siamo giunti a tirare le somme di una stagione che non è andata nel modo voluto. Le analisi su questo anno agonistico potrebbero abbondare, ognuno può avere la sua versione, ma noi cerchiamo di fare un commento collegato proprio a gara due di semifinale, dove si è assistito a due prestazioni diverse nell’arco della stessa partita: squadra versione “double face”. E’ stato un po’ questo il ritornello di un’annata nella quale il gruppo di Francesconi ha alternato momenti di grande pallavolo, toccando quote immense, ad altri di grande difficoltà sia tecnica che caratteriale, spesso anche con avversari poco quotati. Il gioco complessivo è stato altalenante, si è dovuto scavare molto in fondo per trovare la continuità. Stesso concetto che potremmo esprimere a proposito di questo match, quello decisivo per le sorti del cammino playoff, con i bianconeri autori di una grande prova sia tatticamente, con un piazzamento certosino a bloccare le iniziative avversarie, sia sul piano emotivo, reagendo bene al cattivo inizio, che poi è stata la scintilla che ha permesso di mettere in discesa il secondo set. A quel punto il crollo: bisognava attendersi la reazione della squadra di casa, in quel momento sulle corde, capace di rovesciare interamente le sorti con interpreti diversi da quelli previsti ed il tutto è avvenuto in modo fulmineo e veemente, ed in maniera malinconica si è delineato il mesto verdetto di questa doppia sfida. Sapevamo che Firenze era una formazione disegnata anch’essa per il raggiungimento dell’obiettivo nazionale e si è guadagnata il diritto di giocarselo, raggiungendo l’ultimo atto degli spareggi, ma già mostrando un rendimento esponenziale in regular season. Già, la regular season, un girone dove ci possiamo rammaricare per qualche punto di troppo lasciato per strada (San Miniato, Cus Pisa e Massa), oltre ad un finale un po’ in affanno, con il raggiungimento ufficiale dei playoff nell’ultimo turno, ed un secondo posto sfuggito solo per qualche set, ma che probabilmente avrebbe fatto comodo, quanto meno in riferimento ad un incrocio in semifinale con un avversario diverso. Capitolo ringraziamenti: agli atleti per avere dato tutto a prescindere dalle difficoltà che non sono mancate; al dirigente accompagnatore, sempre presente ed un punto di riferimento indispensabile sia per squadra sia per società con il suo eccellente lavoro; ai dirigenti che hanno curato la ripresa delle partite, anche attraverso continui aggiornamenti in tempo reale, facendoci rivivere tramite social la diretta dei tanti match disputati; ultimi, ma non certo per importanza, i magnifici tifosi che da sempre credono in questa causa e la sostengono da vicino, in ogni palestra, facendo sentire in maniera forte e chiara la propria voce, rappresentando un supporto determinante per gli stessi giocatori. Adesso è tempo di smaltire questa amarezza e poi, come di consueto, la società insieme al consiglio direttivo tornerà al lavoro. Verranno resi noti i piani futuri, dove sapremo chi sarà confermato e chi invece prenderà altre destinazioni. Arrivederci alla prossima stagione… sempre FORZA PIEVE!
Firenze Volley-Montebianco Volley 3-2 (23-25/15-25/25-11/25-16/15-12): Carrai, Del Testa, Fattorini, Flego, Francesconi, Fronteddu (L2), Lombardi, Magni, Menichetti, Pasquetti (L1), Pianigiani, Pilucchini, Poli. All.: Francesconi.

giovedì 24 maggio 2018

Serie D Femminile, risultati Gara di Ritorno della Semifinale PlayOff

Mer 23/05/2018 21.00
Semifinale Ritorno, gara 5118 PAL. MARTINI VIA I.Q.BACCELLI 105 LUCCA
Volley Pantera Lucca-Lupi Estintori San Miniato 3-1
25/23 25/20 15/25 25/23
I Arbitro: Pranzini Fabio / II Arbitro: Romeo Giuseppe

Mer 23/05/2018 21.00 Semifinale Ritorno, gara 5119
PALESTRA COMUNALE VIA POSSENTI PISA
Ospedalieri Pisa-Vbc Arnopolis Asd 3-0
25/19 25/17 25/23
I Arbitro: Sabatini Fabrizio / II Arbitro: Aristodemo Natale Fabrizio

Mer 23/05/2018 21.00
Semifinale Ritorno, gara 5120
PAL. S.M. - VIA ROMA, 193 PIANDISCO'
Piandisco Valdarninsieme-Acq Viviquercioli 3-0
25/19 25/20 25/15
I Arbitro: Nannicini Monica / II Arbitro: Gagli Pierluigi

Serie D Maschile, risultati Gara di Ritorno della Semifinale PlayOff

Mer 23/05/2018 21.00
Semifinale Ritorno, gara 5612 PALESTRA-VIA AZZURRI D'ITALIA GROSSETO
Invicta Volleyball-Olimpia Poliri 3-2
19/25 27/29 25/17 25/16 15/8
I Arbitro: Pinto Sonia / II Arbitro: Barnini Annalisa

Mer 23/05/2018 21.00
Semifinale Ritorno, gara 5613
PAL.S.M.S. ANNA FRANK VIA DONATI 17 PISTOIA
Zona Vv.f. Mazzoni-Cascine Volley Empoli 1-3
28/26 21/25 17/25 22/25
I Arbitro: Iozzi Giulia / II Arbitro: Piazzolla Salvatore

Serie C Femminile, risultati Gara di Ritorno della Semifinale PlayOff

Mer 23/05/2018 21.00
Semifinale Ritorno, gara 5013
PALESTRA LICEO GOBETTI - VIA DELLA NAVE DA VIA DEL PRATELLO BAGNO A RIPOLI
Astra Chiusure Lampo-A.s.d Il Discobolo 3-0
25/21 25/21 25/14
I Arbitro: Scire' Daniele / II Arbitro: Fiumara Francesco

Mer 23/05/2018 21.15
Semifinale Ritorno, gara 5012
PALA DREAM VOLLEY - via gioacchino belli PISA
Dream Volley Group Pisa-Ius Pallavolo Arezzo 3-0
25/15 25/15 25/18
I Arbitro: Fiori Alessandro / II Arbitro: Fantoni Elena

Serie C Maschile, risultati Gara di Ritorno della Semifinale PlayOff

Mer 23/05/2018 21.00
Semifinale Ritorno, gara 5512
PALAZZETTO DELLO SPORT VINICIO TARLI - VIALE MACHIAVELLI SESTO FIORENTINO
Pallavolo Sestese-Robur 1908 Scandicci 1-3
20/25 26/24 21/25 21/25
I Arbitro: Gronchi David / II Arbitro: D'azzo Nicolo'

Mer 23/05/2018 21.00
Semifinale Ritorno, gara 5513
PALAMATTIOLI - VIA BENEDETTO DEI, ANG. VIA CABOTO FIRENZE
Firenze Volley-Montebianco Volley 3-2
23/25 15/25 25/11 25/16 15/12
I Arbitro: Campinotti Luca / II Arbitro: Rafaniello Gaetano