Header Ads

Empoli Pallavolo: al via il Campionato Nazionale di B1 con difficoltà logistiche


Sabato 23 gennaio il derby contro Nottolini a Capannori. Coach Collavini: “Le avversità rafforzano”. 
Problemi al PalAramini, la squadra ha rischiato lo stop ad una settimana dall’inizio del torneo. 
Il Presidente Genova: “Situazione assurda, ci ha salvato la generosità di una scuola e di una società sportiva” 
E’ iniziato il conto alla rovescia per il tanto atteso inizio del Campionato Nazionale di Pallavolo di serie B1 per la Timenet Empoli Pallavolo. Da calendario ufficiale definitivo approvato dalla FIPAV, infatti, le giallonere giocheranno la loro prima partita il 23 gennaio 2021 in trasferta a Capannori (Lucca) contro Toscana Garden Nottolini. La rosa è composta da: Sirya Tangini (1997) centrale e capitano, Laura Baggi (1992) schiacciatrice, Giada Barbiero (2000) opposto, Lucrezia Formenti (1996) libero, Diana Giometti (1996) schiacciatrice, Matilde Mangone (2002) libero, Greta Marocchini (1999) centrale, Bianca Meini (2000) alzatrice, Ludovica Mennecozzi (2003) alzatrice, Altea Mezzedimi (2001) schiacciatrice, Marlene Silva Ascensao (1991) centrale, Raquel Silva Ascensao (1991) opposto. A pochi giorni dall’avvio del torneo, tuttavia, non sono mancati i problemi per la prima squadra dell’Empoli Pallavolo che ha rischiato di non avere un luogo dove effettuare gli allenamenti a causa di una serie di interventi di manutenzione al PalAramini e permessi non pervenuti per accedere ad altre palestre. Una situazione a dir poco surreale considerati gli sforzi compiuti dalla società giallonera per riuscire, con successo e in particolare in questa stagione sportiva, a comporre con largo anticipo la rosa definitiva selezionando atlete anche di alto profilo. L’impossibilità di accedere al palazzetto di viale delle Olimpiadi a partire da lunedì 18 gennaio ha rappresentato un’ulteriore complicazione che si è aggiunta alle problematiche della partenza del torneo più volte rinviata a causa della pandemia A risolvere in extremis la questione è stato il generoso intervento della dirigente scolastica dell’Istituto superiore “Il Pontormo” di Empoli, Filomena Palmesano, che dopo essere venuta a conoscenza del problema ha messo a disposizione la palestra della scuola per consentire alle atlete di allenarsi nella settimana cruciale che precede l’avvio del torneo. Significativo anche il gesto sportivo del Cascine Volley di Empoli che, tramite la sua fondatrice Debora Catastini, ha rinunciato a utilizzare i suoi spazi. “Voglio esprimere a nome della società tutta la nostra gratitudine per il provvidenziale sostegno in questo difficile momento da parte della dirigente Palmesano alla quale va anche la mia personale stima per la capacità di trovare rapidamente una soluzione - spiega il Presidente dell’Empoli Pallavolo, Antonio Genova – e anche a Debora Batistini che, senza alcuna esitazione, ha concesso a noi gli spazi del Cascine Volley dando prova del solido rapporto esistente, soprattutto umano per me particolarmente importante, tra le nostre società sportive. Da lunedì 18 gennaio non solo non avremmo più potuto utilizzare il PalAramini a causa delle operazioni di sostituzione del parquet danneggiato, ma neppure accedere alle altre palestre che ci erano state messe a disposizione in quanto ad oggi non sono pervenuti i permessi necessari”. A causa di alcune infiltrazioni dal tetto, infatti, il parquet del PalAramini è saltato in alcune parti fino a costituire un rischio per l’incolumità delle giocatrici, tanto che l’Empoli Pallavolo nell’attesa dei riscontri da parte dell’Amministrazione Comunale ha predisposto alcune misure di sicurezza per consentire almeno la preparazione atletica delle squadre di serie B1 e C, mentre le sedute di allenamento per l’intero settore giovanile sono state sospese per l’impossibilità, data la situazione della struttura, di svolgerle regolarmente. Nel frattempo la preparazione atletica procede e coach Paolo Collavini continua a lavorare assiduamente con le sue ragazze per la prima importante sfida che li attende. “Finalmente cominciamo, attendevamo questo momento da mesi – commenta il tecnico giallonero – Questa formula a gironi ridotti l’ho già vissuta, benché con alcune differenze, in serie A, per cui conosco già i meccanismi. L’avversario più temibile siamo noi stessi perché abbiamo solo potuto allenarci senza misurarci con nessuno in campo a parte qualche amichevole. Per quanto riguarda le problematiche logistiche che stiamo vivendo in questa fase, credo che le avversità ci rafforzino e ci permettano di essere pronti ad affrontare qualsiasi cosa accada”. 

Ufficio Stampa
UNIKA Comunicazione e PR
Debora Ragionieri

Nessun commento

Powered by Blogger.